skip to Main Content

Emilia Romagna vara il Testo Unico Regionale

L’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna ha varato il Testo Unico per la promozione della Legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell’economia responsabili.

La versione definitiva del Testo Unico ospita – 49 articoli e, riordinando le misure esistenti, introduce innovazioni per la promozione dei seguenti temi:

  • cultura della legalità,
  • contrasto a usura e racket,
  • controlli sugli appalti,
  • tutela occupazionale in aziende colpite da provvedimenti giudiziari,
  • sicurezza sul lavoro,
  • azioni per il recupero di immobili e attività sottoposte a sequestro,
  • azioni di prevenzione e contrasto della corruzione.

Con il Testo Unico, la Regione rafforza il contrasto alle mafie e alla criminalità organizzata, anche attraverso una forte semplificazione normativa che riduce a 49 i 170 articoli complessivi di tutte le leggi regionali approvate in materia in questi anni.
Una delle novità più interessanti riguarda il forte controllo sugli appalti, che include un maggiore utilizzo del Rating di legalità e l’estensione dell’Elenco di merito a tutte le aziende e non solo a quelle del comparto edile.
Inoltre, il testo prevede misure volte alla tutela occupazionale per il personale di aziende sottoposte a interventi giudiziari, maggiore sicurezza sul lavoro e azioni di prevenzione e contrasto della corruzione, con la riduzione delle stazioni appaltanti. Verrà inoltre istituito un Osservatorio regionale sulla criminalità, in base alle analisi del quale verrà predisposto un Piano integrato delle azioni regionali, annuale, che indicherà le risorse finanziarie e organizzative.
Per quanto riguarda la promozione della legalità, il Testo Unico introduce alcune disposizioni innovative, fra cui l’articolo 13 che amplia l’ambito di utilizzo del Rating di legalità, prevedendo l’obbligo di diffusione della Carta dei principi della responsabilità delle imprese ed estendendo l’Elenco di merito delle imprese e degli operatori economici (già istituito in Regione per le imprese edili) a tutte le categorie:

Articolo 13

Rating di legalità e Carta dei principi della Responsabilità Sociale delle imprese. Elenco di merito delle imprese e degli operatori economici

1. Al fine di favorire la regolarità e la legalità degli operatori economici la Regione promuove e valorizza, come elemento di crescita responsabile dell’impresa e come valore sociale, l’introduzione di principi etici nei comportamenti aziendali: a) dando valore al rating di legalità delle imprese previsto dal decreto ministeriale 20 febbraio 2014 n. 57 (Regolamento concernente l’individuazione delle modalità in base alle quali si tiene conto del rating di legalità attribuito alle imprese ai fini della concessione di finanziamenti da parte delle pubbliche amministrazioni e di accesso al credito bancario, ai sensi dell’articolo 5-ter, comma 1, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27), anche attraverso la previsione nei bandi per la concessione di benefici economici di almeno uno dei sistemi di premialità di cui all’articolo 3, comma 3, del decreto medesimo; b) diffondendo la Carta dei principi della Responsabilità Sociale delle Imprese adottata dalla Regione medesima in attuazione della comunicazione della Commissione europea COM (2011) 681, da parte delle imprese beneficiarie di finanziamenti regionali.

2. La Regione assicura l’applicazione dei principi dello “Small Business Act” di cui alla comunicazione della Commissione europea COM (2008) 394 attraverso l’attuazione dell’articolo 83 della legge regionale 27 giugno 2014, n. 7 (Legge comunitaria regionale per il 2014).

3. La Regione istituisce l’elenco di merito delle imprese e degli operatori economici che svolgono la propria attività nel settore edile e delle costruzioni di cui all’articolo 33; essa inoltre prevede l’adozione di elenchi di merito anche per le imprese e gli operatori economici di altri comparti particolarmente esposti al rischio di infiltrazioni della criminalità organizzata, individuati dalla Giunta regionale su proposta della Consulta regionale per la legalità e la cittadinanza responsabile, previa stipulazione di accordi con l’Autorità nazionale anticorruzione per l’accesso alle relative banche-dati atte a certificare i requisiti utili all’iscrizione.

4. La Giunta regionale definisce i requisiti e le modalità di iscrizione, formazione, cancellazione, aggiornamento e organizzazione dell’elenco di cui al comma 3, nonché i casi in cui l’iscrizione nell’Elenco sostituisce, in tutto o in parte, l’attestazione del possesso di requisiti di idoneità degli operatori economici.

5. L’iscrizione nell’elenco è volontaria e ad esso possono essere iscritti i soggetti che siano in possesso delle condizioni di idoneità definite ai sensi del comma 4 e che dichiarino il proprio impegno a garantire, in riferimento a tutta la durata dei contratti, l’accesso e lo svolgimento di sopralluoghi da parte degli organismi paritetici di settore presenti sul territorio ove si svolgono i lavori stessi; i soggetti iscritti si impegnano contestualmente a garantire la formale applicazione ed il sostanziale rispetto per i propri dipendenti dei contratti collettivi nazionali di lavoro (CCNL) ed i contratti territoriali di settore, sottoscritti dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale. La cancellazione dagli elenchi è subordinata alla verifica della gravità delle eventuali inadempienze, secondo le modalità definite nell’atto di Giunta di cui al comma 4.

6. L’iscrizione nell’elenco può essere assunta quale presupposto per ulteriori misure premiali definite dalla giunta regionale, sentita la Consulta di cui all’articolo 4 della presente legge.

7. Al fine di valorizzare la legalità delle imprese la Regione promuove, d’intesa con le autorità nazionali competenti, accordi per la progressiva applicazione del rating di legalità, alle imprese del territorio regionale, con fatturato inferiore a due milioni di euro. Gli accordi potranno altresì prevedere ambiti di collaborazione per il raccordo con gli elenchi di merito istituiti dalla Regione.

8. La Regione promuove e valorizza comportamenti eticamente corretti delle imprese e delle filiere di produzione, dando valore ai sistemi di certificazione di qualità delle imprese sia in ambito di responsabilità sociale che di tutela dell’ambiente. Sono comunque fatte salve le disposizioni che regolano i finanziamenti europei.

Inoltre, nella sezione dedicata a contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, edilizia e costruzioni, sono previste forti azioni di supporto tecnico e semplificazione alle stazioni appaltanti e azioni innovative sulle procedure, nonché nuovi e più efficaci sistemi di controllo nei cantieri anche a seguito del sisma del 2012. In particolare, viene promossa la riduzione delle stazioni appaltanti.
Il Testo introduce anche nuove disposizioni in materia di ambiente e sicurezza territoriale, per controlli più efficaci grazie anche alla promozione di accordi con le autorità e i nuclei specializzati nella vigilanza, prevenzione e repressione delle violazioni in materia ambientale e nella tutela del patrimonio naturale e forestale.
Per quanto riguarda il contrasto all’usura, vengono proposte azioni preventive e supporto alle vittime, anche sotto forma di consulenza legale e psicologica e viene introdotto il “Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell’usura”.
Innovativo è poi l’articolo che prevede azioni per la continuità occupazionale di soggetti impiegati presso imprese oggetto di provvedimenti giudiziari anche attraverso accordi e intese con i Ministeri competenti. Nasce poi un Tavolo regionale sui beni e sulle aziende sequestrati e confiscati comprendente anche le associazioni di volontariato e promozione sociale, il mondo della cooperazione, organizzazioni sindacali e associazioni di datori di lavoro.
Insomma, il Testo Unico presenta una revisione innovativa e fattiva delle norme regionali, che offre una semplificazione orientata all’efficacia delle norme e all’efficienza delle iniziative previste.

Back To Top

Scarica la nostra Guida Pratica
sul Rating di Legalità

Per vincere più Bandi Pubblici e avere migliori condizioni di Credito Bancario

Capirai cos’è e come funziona il Rating di Legalità
Verificherai il tuo livello di Rating di Legalità
Conoscerai i primi passi e un metodo da seguire per ottenere il Rating di Legalità