skip to Main Content

Regione Emilia Romagna approva Testo Unico sulla Legalità

Lo scorso 5 luglio la Giunta Regionale delle Regione Emilia Romagna ha approvato il Testo Unico sulla Legalità, con cui si propone di rafforzare il contrasto alle mafie e alla criminalità.
Il testo unico prevede:

  • Semplificazione e riordino della normativa
  • nuove misure contro usura e racket
  • controlli su appalti
  • sicurezza sul lavoro
  • un osservatorio sulla criminalità
  • azioni di prevenzione della corruzione

Il Testo unico sulla legalità è stato presentato dal presidente della Giunta Regionale Bonaccini e dall’assessore Mezzetti e verrà esaminato dell’Assemblea legislativa per l’approvazione definitiva entro l’autunno. Alla conferenza stampa tenutasi per la presentazione, è stato annunciato che il Testo, inviato per conoscenza alla Direzione nazionale antimafia e all’ANAC- Autorità nazionale anticorruzione, ha ricevuto il riconoscimento dal presidente Raffaele Cantone, che lo ha definito un ottimo lavoro e un potenziale un punto di riferimento anche per le altre Regioni italiane impegnate in questo senso.
Si tratta di un’iniziativa che riduce a 48 i 170 articoli complessivi delle norme regionali in vigore in materia di legalità e mette in campo numerose misure innovative.
In questo senso sono notevoli le norme legate a:

  • gioco d’azzardo patologico,
  • assistenza alle vittime degli strozzini e del racket,
  • controllo sugli appalti e tutela della sicurezza sul lavoro,
  • prevenzione e contrasto della corruzione,
  • estensione dell’Elenco di merito a tutte le aziende, non solamente alle appartenenti al comparto edile.

Lo strumento, tuttavia, non si connota come unicamente repressivo: viene dato risalto alla promozione della cultura della legalità, al sostegno al recupero di immobili confiscati e si prevede la creazione di un osservatorio sulla criminalità.
La Regione aveva promesso una semplificazione amministrativa, concretizzata in un Testo che introduce  misure innovative che irrobustiscono il contrasto alle mafie e promuovono interventi di promozione della legalità, come il riconoscimento del Rating di legalità e della Carta dei principi della Responsabilità Sociale delle imprese.
Una novità importante riguarda proprio il Rating di Legalità: la Regione, infatti, promuove in accordo con le autorità nazionali competenti, accordi per la progressiva applicazione del rating di legalità, alle imprese del territorio regionale, con fatturato inferiore a due milioni di euro (quando, ad oggi, solo le imprese con fatturato superiore ai 2 Milioni possono accedere al Rating).
Gli accordi potranno anche prevedere ambiti di collaborazione per il raccordo con gli elenchi di merito istituiti dalla Regione.

Back To Top

Ti richiamiamo!


Inserisci il tuo nome e il tuo numero di telefono, ti chiameremo il prima possibile!