skip to Main Content

In vigore il decreto integrativo del codice appalti: cosa cambia per il rating?

Il Decreto integrativo al Codice Appalti è stato introdotto sul Supplemento Ordinario della Gazzetta Ufficiale lo scorso 5 maggio.

Tale decreto, battezzato d. ldg 19 aprile 2017, n. 56 recante “Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50”, introduce circa 300 modifiche al Codice degli Appalti e dei Contratti Pubblici.
Le numerose e sostanziose modifiche sono state motivate dalla necessità di perfezionare l’impianto normativo, migliorandone l’omogeneità, la chiarezza e l’adeguatezza.
Ai fini di questo articolo, ci interessano principalmente le modifiche riguardanti gli articoli che menzionavano il Rating di Legalità, già introdotto nel Codice degli Appalti pubblici a partire dallo scorso anno.
In particolare, gli articoli che includono il Rating di Legalità come criterio di valutazione, alla luce delle recenti modifiche, sono i seguenti:
 

  • Articolo 93 Garanzie per la partecipazione alla procedura (Comma 7):

L’importo della garanzia, e del suo eventuale rinnovo, è ridotto del 50 per cento per gli operatori economici ai quali venga rilasciata, da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN 45000 e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, la certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO 9000. Si  applica la riduzione del 50 per cento, non cumulabile con quella  di  cui  al primo periodo, anche nei  confronti  delle  microimprese,  piccole  e medie imprese e dei raggruppamenti di operatori economici o  consorzi ordinari costituiti esclusivamente da microimprese, piccole  e  medie imprese.
Nei contratti relativi a lavori, servizi o forniture, l’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 30 per cento, anche cumulabile con la riduzione di cui al primo periodo, per gli operatori economici in possesso di registrazione al sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS), ai sensi del regolamento(CE) n. 1221/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2009, o del 20 per cento per gli operatori in possesso di certificazione ambientale ai sensi della norma UNI ENISO 14001. Nei contratti relativi a servizi o forniture, l’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 20 per cento, anche cumulabile con la riduzione di cui ai periodi primo e secondo, per gli operatori economici in possesso, in relazione ai beni o servizi che costituiscano almeno il 50 per cento del valore dei beni e servizi oggetto del contratto stesso, del marchio di qualità ecologica dell’Unione europea (Ecolabel UE) ai sensi del regolamento(CE) n. 66/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2009. Nei contratti relativi a lavori, servizi o forniture, l’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 15 per cento, anche cumulabile con la riduzione di cui ai periodi primo, secondo, terzo e quarto, per gli operatori economici che sviluppano un inventario di gas ad effetto serra ai sensi della norma UNI EN ISO 14064-1 o un’impronta climatica (carbon footprint) di prodotto ai sensi della norma UNI ISO/TS 14067. Per fruire delle riduzioni di cui al presente comma, l’operatore economico segnala, in sede di offerta, il possesso dei relativi requisiti e lo documenta nei modi prescritti dalle norme vigenti. Nei contratti di servizi e forniture, l’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 30 per cento, non cumulabile con le riduzioni di cui ai periodi precedenti, per gli operatori economici in possesso del rating di legalità e rating di impresa o della attestazione del modello organizzativo, ai sensi del decreto legislativo n. 231/2001 o di certificazione social accountability 8000, o di certificazione del sistema di gestione a tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, o di certificazione OHSAS 18001, o di certificazione UNI CEI EN ISO 50001 riguardante il sistema di gestione dell’energia o UNI CEI 11352 riguardante la certificazione di operatività in qualità di ESC (Energy Service Company) per l’offerta qualitativa dei servizi energetici e per gli operatori economici in possesso della certificazione ISO 27001 riguardante il sistema di gestione della sicurezza delle informazioni. In caso di cumulo delle riduzioni, la riduzione successiva deve essere calcolata sull’importo che risulta dalla riduzione precedente. L’offerta è altresì corredata, a pena di esclusione, dall’impegno di un fideiussore, anche diverso da quello che ha rilasciato la garanzia provvisoria, a rilasciare la garanzia fideiussoria per l’esecuzione del contratto, di cui agli articoli 103 e 104, qualora l’offerente risultasse affidatario.
 

  • Art. 95 Criteri di aggiudicazione dell’appalto (Comma 13):

Compatibilmente con il diritto dell’Unione europea e con i principi di parità di trattamento, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità, le amministrazioni aggiudicatrici indicano nel bando di gara, nell’avviso o nell’invito, i criteri premiali che intendono applicare alla valutazione dell’offerta in relazione al maggior rating di legalità e d’impresa dell’offerente, nonché per agevolare la partecipazione alle procedure di affidamento per le microimprese, piccole e medie imprese, per i giovani professionisti e per le imprese di nuova costituzione. Indicano altresì il maggior punteggio relativo all’offerta concernente beni, lavori o servizi che presentano un minore impatto sulla salute e sull’ambiente, ivi inclusi i beni o prodottida filiera corta o a chilometro zero.
 

  • Articolo 213 Autorità Nazionale Anticorruzione(Comma 7):

L’Autorità collabora con l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per la rilevazione di comportamenti aziendali meritevoli di valutazione al fine dell’attribuzione del “Rating di legalità” delle imprese di cui all’articolo 5-ter del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27. Il rating di legalitàconcorre anche alla determinazione del rating di impresa di cui all’articolo 83, comma 10.
 

Anche per competere nel mondo degli appalti, diventa cruciale non solo acquisire il Rating, ma anche ottenere un punteggio elevato, grazie al rispetto dei criteri normativi e all’implementazione di strumenti extra-normativi che certificano l’operare dell’impresa in modo legale e responsabile.

Stai pensando di ottenere il Rating di legalità? Scarica la nostra GUIDA GRATUITA per:

  • Capire cos’è e come funziona il Rating di Legalità;
  • Verificare il livello di Rating della tua azienda;
  • Imparare un metodo da seguire per ottenere il Rating di Legalità.

Domande? Chiamaci! Tel: 02. 320622772 – rating-legalita@bilanciarsi.it

Back To Top

Ti richiamiamo!


Inserisci il tuo nome e il tuo numero di telefono, ti chiameremo il prima possibile!